mercoledì 18 luglio 2012

Rosaliaaaaa. Componiti. Svergognata!

sono immersa nei miei pensieri, i più diversi e affastellati gli uni agli altri, mentre sono in cucina e lavo le milincianedde, quando ad un tratto, uno in particolare, mi stampa un sorriso sulle faccia, facendomi scoprire i denti. I milinciani ammuttunati mi fanno venire in mente una battuta di un film con Tiberio Murgia, che pur essendo sardo_sardo, è la caricatura del classico siculo. Ammuttunata ha molti significati, abbottonata, lardellata, chiusa, ripiena.  Il mio pensiero lo associo a una tipica donna sicula, di una bellezza travolgente, colori scuri, un seno pieno, molto provocante, di una billizza che emana cuntitizzamagari vistuta di nivuru, e la cammisedda non troppo ammuttunata..."Rosalia, componiti, svergognata! E sorrido.
Mah! quannu sunnu sula 'u ciriveddu  va a vacante, senza rete, vuota e con pensieri anche scomposti, però, la mia solitudine, mi fa compagnia e mi fa anche ridere.
per quattro cristiani:
un chilo di melanzane niche, piccole
un chilo e mezzo di pomodoro maturo
un ciuffo di basilico
una cipolla rossa
50 g di caciocavallo Ragusano D.O.P
20 g di pomodori secchi
4 spicchi d'aglio
un ciuffo di menta
sale
zucchero
sale grosso
pepe
olio extra vergine d'oliva

Lavate le melanzane; togliete il picciolo e praticate dei tagli non troppo profondi su quattro lati lasciano intatti la base e la corona in alto, devono essere delle incisioni, delle tasche verticali. Ponete le melanzane dentro un colapasta e cospargete con il sale grosso, fate perdere l'acqua di vegetazione per circa un'ora. Nel frattempo  affettate finemente la cipolla, mettetela in un tegame e fate soffriggere, in 3 cucchiai d'olio e poi aggiungete un goccio d'acqua, fino a stufarla; lavate il pomodoro, tagliatelo a pezzi grossolani e aggiungetelo al soffritto, aggiungete il basilico spezzettato e fate cuocere per circa 20-30 minuti. Passate tutto con il passa pomodoro, rimettete dentro il tegame e fate stringere ancora un quarto d'ora, salate, pepate e spegnete il fuoco. Tritate l'aglio con la menta, affettate finemente i pomodori secchi, dopo averli fatti rinvenire in acqua calda e asciugati, unite il caciocavallo grattugiato e mescolate. Sciacquate le melanzane, asciugatele e riempite le tacche con il ripieno preparato, con delicatezza, aiutandovi con la lama di un coltello.
 Friggete le melanzane nell'olio bollente, rosolate da tutte le parti fino a colorirle. Passatele nel sugo e cuocete ancora un quarto d'ora. servite come contorno o come antipasto.

32 commenti:

  1. Uh mamma! Io di queste mulinciane niche niche ne ho mangiate fino a scoppiare. Sono strepitose! Un bacio :*

    RispondiElimina
  2. Meraviglia delle meraviglie...
    E qui mi scola il luccicone, perchè queste le preparava sempre la mia amata nonna... *_*
    La mentuccia dà un sapore strepitoso...Che poesia...
    :***

    Erika

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, il sapore che sprigionava la nonna sarà stato inconfondibile e altrettanto memorabile, io nel mio piccolo, tento una qualche imitazione
      :*
      grazie bedda mia *
      Cla

      Elimina
  3. Ma com'è che non li vitti mai sti mulinciani nicaredde?
    Dovrei recuperare, ma sono infortunata con tanto di stampelle e l'ultima cosa chi pozzu fari è cucinare... :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh! Che fu?
      ora vengo a sbirciare che succidiu.
      Arripigghiati e poi cominci la ricerca
      :*
      Cla

      Elimina
  4. Che ricordi! Anche io ho avuto la fortuna di mangiarle a Palermo,una prelibatezza!!Ma non ricordo la menta che ci starà sicuramente benissimo,ma due spaghetti nel sughetto come li vedi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, la menta d'obbligo è!
      se le mangi come antipasto ci pucci dentro il pane e ti finiu 'u sucu ahahahah però la pasta con il pomodoro fresco al ciavuru di milinciane bona è!
      :***
      Cla

      Elimina
  5. che bellezza! che ricetta! che post! tutto fantastico, davvero. Sei bravissima.

    RispondiElimina
  6. mi fai morire dal ridere!! potresti postare pasta cu lu sucu schittu e saresti un mito uguale! va segnalato il tuo blog a Camilleri, a Montalbano lo mandarebbe a manciari a to casa ;-)) grande Claudia!! ti lassu 'na vasata :-X

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah sarebbe un onore avere Montalbano_sono a cena da me
      grazie duciazza, ti vaso pure io :***
      Cla

      Elimina
  7. Conosco questa ricetta, anche se nella "versione bianca" che prevede la cottura delle melanzane in olio e aceto bianco .....

    P.S.: mi sono innamorata della tua panna cotta con le ciliegie :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milen@ mia bedda,
      voglio rispolverare ricette della tradizione, voglio divulgare la mia sicilitudine
      :*
      P.S.: ce ne sono ancora ciliegie ;) ***
      baciuzzi lovvosi
      Cla

      Elimina
  8. Eccoci, indigeste di melanzane! le prepariamo in ogni versione! mamma che buona questa idea per farcirle: decisamente saporita e profumata!
    poi con il sughetto di cottura per accompagnarle....divino!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazze questa è una ricetta della tradizione siciliana, semplice ma gustosa, il sighetto di pomodoro fresco fa la differenza
      grazie
      Cla

      Elimina
  9. sei un mito cla..... le melanzane cosi sono buonissime ma lo è tutto quello che fai tu.....ciao da maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, sei troppo gentile e adorabile, mi fai arrossire.
      :* tanti bacetti
      Cla

      Elimina
  10. Ti dico solo che verrei a piedi in Sicilia per mangirne una porzione(beh, se vengo a piedi la cofana intera!!!) :***
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando?
      ti aspetto a braccia aperte tesoro (tra le braccia la cofana ahahahahah)
      love
      Cla

      Elimina
  11. Claudiuzza, sei fantastica....bhè è bello stare insieme alla propia solitudine e fare andare il cervello libero e felice dove gli pareeee!aaaaahhhhh! da soli vengono le migliori ispirazioni e le piu brillanti idee, ma sopratutto l'animo prende fiato! e poi godersi le milincianeddi ritornando bambini con i ricordi ....che profumo che sprigionano!mmmmmmm grazie tesoro di questo regalo! tu contribuisci a farmi amare la mia terra! un megaaaaaaaaaa bacio
    maria pon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero è Mariuzza,
      adoro la compagnia ma alcune volte assaporo la mia solitudine; certe volte siamo pure troppi ahahahah
      grazie a te che ti appassioni sempre
      :*
      Cla

      Elimina
  12. E' uno spettacolo questo piatto e quelle mini melanzane sono bellissime... a trovarle pero'....
    Grazie per questa bella ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giada,
      grazie, in questo periodo qui si trovano, mi dispiace che non si trovino ovunque, grazie ancora a te
      :*
      Cla

      Elimina
  13. Claudia mamma mia ma che spettacolo! Queste melanzane piccine sono un amore e ci credi che io non le ho mai né viste né mangiate? Ma dove vivo, accidenti??? Che invidia...E che invidia per il sughetto...Complimenti!
    simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo,
      mi sto rendendo conto solo ora che non sono un prodotto reperibile ovunque e questo mi dispiace, perché in giro si trova qualunque cosa.
      quel sughetto è il re dell'estate ;)
      ***
      grazie bedda
      Cla

      Elimina
  14. Madonna santa!!!!
    Non si può dire, non si può capire! mi saziai solo a vedere le foto e a leggere!
    Claudia, per oggi più che pranzare ho sublimato!
    (Ma perché questa botta di pausinismo? La SOLITUDINEEEEE?) E se pur ti pesasse, allora che problema c'è??? Ma scrivi! manifestati , quale sola e sola!
    baci di compagnia,
    A-Z.
    Animula

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah! Animula, mi fai "scassare" dalle risate (si può dire?) ahahahah
      nessuna botta di pausinismo GIAMMAIIII ahahahah, alle volte però ci vuole proprio :D
      comunque lo so di non essere sola
      grazie dolcezza :*
      love
      Cla

      Elimina
  15. Che delizia, e mentre mi studio la ricetta non posso non ricordare il mitico Tiberio Murgia...adoro la commedia all'italiana di quegli anni e lui era davvero divertente!
    baci
    Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, :D mitico eh? Già!
      grazie bella
      *
      Cla

      Elimina
  16. Le adoro! Queste melanzane rappresentano per me una coccola che la mia mamma mi fa una volta all'anno seguendo la ricetta di famigghia. Anzi, a pensarci bene, forse dovrei sollecitare la coccola di questa estate... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Clara,
      assolutamente fai un sollecito prima che finiscano ahahah
      ***
      grazie duciazza
      Cla

      Elimina