lunedì 3 marzo 2014

'a biddizza

Che sia grande o piccola, la bellezza, secondo me, risiede nelle cose semplici. Vincere un oscar con questo titolo è vincere facile, già solo per questa bella idea vaserei tutti, dal produttore, al regista, agli attori e tutti chiddi che ci girano tornu tornu, senza mancu avere visto il film; ovviamente è da veder a fortiori, considerando i pareri contrastanti chi sintìa. Realizzare un film non sarà una cosa semplice, ma fare una bella forma di pane si. Anche se ci vuole tempo, quello che ci manca a noi che in questi anni definiti del progresso e della tecnologia annamu sempre currennu currennu, ma poi aunni curremu? Mah, e chi nnì sacciu. Sintiti ammia, fermatevi un istante prendete tutto il tempo che vi serve per fare una cosa semplice, una passeggiata, un giro in bici o una forma di pane e viditi che grandi biddizza.
 200 g di farina integrale ai 7 cereali (farina per pane nero)
300 g di semola di grano duro
10 g di lievito di birra fresco
300 g circa di acqua tiepida (la quantità dell’acqua varia a seconda della’umidità dell’aria)
Un cucchiaino di zucchero di canna chiaro
Un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
10 g di sale
 Mescolate le due farine, aggiungete il lievito sbriciolato e lo zucchero, impastate amalgamando con l’acqua tiepida, aggiungendola poco alla volta, unite il sale e l’olio. Realizzate un panetto e ponetelo a lievitare dentro una ciotola infarinata e coperta, in un luogo a riparo da correnti d’aria per circa un’ora e mezza. Sgonfiate l’impasto su un piano infarinato suddividetelo in tre salsicciotti lunghi circa 25-30 cm e intrecciateli, mettete il pane su una pentola per il pane in terracotta o, in alternativa, su una teglia foderata con carta forno. Ponete il pane nel forno spento con la luce accesa per ancora un’ora e mezza. Trascorso questo tempo, tirate fuori la pentola dal forno, accendetel il forno e portatelo alla temperatura  di 220°C, cuocete per 45 minuti. Se non usate la pentola di terracotta, cuocete il pane basandovi sulla conoscenza del vostro forno.

13 commenti:

  1. Bello questo pane e credo anche assai buono. Lo proverò con il mio lievito madre

    RispondiElimina
  2. è uno spettacolo... lo trovo insuperabile a colazione!

    RispondiElimina
  3. splendido il pane e interessante quella pentola, mi dai qualche informazione in più, mi piace molto! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Meraviglioso, e soprattutto morbido! Non me lo aspettavo!

    Maira
    inunastanzaquasirosa.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. Mi sto appassionando sempre più ai lievitati e questo pane già lo adoro, lo proverò sicuramente!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  6. E io voglio proprio prendermelo questo tempo.. per una pagnotta così credo ne valga proprio la pena... la prova morbidezza rende perfettamente l'idea ... caspita che meraviglia Cla:) un abbraccio grande carissima e complimenti di cuore:*

    RispondiElimina
  7. Che spettacolo questo pane! Ė la tua grande bellezza ^^

    RispondiElimina
  8. meraviglioso questo pane....vorremo proprio dare un morso!!!

    RispondiElimina
  9. Maria, Claudiè e sta grande bellezza non me la mandi per la raccolta n.14 di Panissimo? La conosci la raccolta? Si? No? La si fa ogni mese e la ospita sempr eun blog diverso e questo mese tocca a mia... me la mandi questa pagnottella? Orsù, sai che bella figura ci faccio con le pagnotte della scorza d'arancia? Complimenti è beddissimo sto pane, da oscar!!! Un bascione!

    RispondiElimina
  10. Grazie per i bei momenti nel tuo blog. Sono spesso in grado di guardare (ancora e ancora) questi oggetti meravigliosi hai condiviso. Molto interessante. Buona fortuna a voi!

    voyance gratuite par mail

    RispondiElimina