martedì 28 luglio 2015

delle due l'una

Niè, c'è picca 'i fari, quando un cristiano non ha ricettu finisce con lo sfirniciarisi a destra e a manca. E va beh niente ci fa, sto usando farine alternative al solito grano, ho usato la farina di grano khorasan, denominato grano gigante o, più comunemente chiamato KAMUT® che è il marchio dell'azienda che lo produce.
 Questo grano antico è un parente stretto del grano duro moderno, contiene 
glutine ma non è stato biologicamente modificato ed è coltivato secondo i criteri dell'agricoltura biologica.
Ora, io dico 'na cosa: è mai possibile che devo accattare un grano che viene da lontano quannu, in Sicilia,
coltiviamo dei grani antichi secondo questi stessi criteri? Picchì, tra gli scaffali 
di qualunque supermercato io non trovo la tumminia e me la devo andare a cercare con il lumicino? 
Così per dire...
 Bruschetta di pizza o pizza bruschetta? Delle due l'una.
per 6 cristiani
difficoltà: facile
tempo di preparazione: 15 minuti più il riposo
tempo di cottura: 30 minuti circa
 Per l'impasto:
320 g di farina Kamut
80 g di farina di grano duro
circa 300 ml d'acqua tiepida
5 g di lievito di birra fresco
10 g di sale
un cucchiaio d'olio extra vergine d'oliva
un cucchiaino di zucchero
farina di rimacinato per le pieghe
per il condimento:
10 pomodori grossi e sodi
due spicchi d'aglio
basilico
olio extra vergine d'oliva
sale e pepe
impastate le due farine con con lo zucchero e il lievito sbriciolato, aggiungete poco per volta l'acqua necessaria e l'olio. Unire il sale e impastate fino a quando l'impasto avrà la giusta consistenza o fino a quando incorda attorno al gancio, se usate la planetaria. Realizzate qualche piega e poi ponetelo dentro una ciotola coperta da uno strofinaccio umido fino al raddoppio. Recuperate l'impasto, reimpastate qualche minuto e poi dividetelo in pezzatura di circa 60 g l'uno, realizzate delle palline e fate lievitare ancora fino al raddoppio coperte.
Preparate il condimento tuffando in acqua bollente per pochi istanti il pomodoro precedentemente lavato. Eliminate la buccia e i semi interni, realizzate una concassè, ponetelo dentro una ciotola e conditelo con gli spicchi d'aglio tagliati a metà, l'olio, il sale, il pepe e abbondante basilico, fate riposare coperto fino all'uso in frigo.
Riprendete l'impasto, usate della farina di rimacinato per spolverare la spianatoia e realizzate delle schiacciatine, praticate dei tagli sul bordo e all'interno per evitare che gonfino durante la cottura e infornate a 200°C per circa mezz'ora o fino a quando saranno dorate(*). Sfornate e condite le schiacciatine distribuendo il condimento e servite.
(*) per la cottura basatevi sulla conoscenza del vostro forno


7 commenti:

  1. Ecco brava!! Diciamolo a voce alta che noi in Sicilia abbiamo farine meravigliose. L'ho scritto proprio nel mio ultimo post. E allora perchè accattasti quella farina che non nomino neppure perchè mi fa veramente inca...volare??? A parte gli scherzi...farine di timilia (tumminia), perciasacchi, e di altri grani antichi siciliani ormai li trovi un po' dovunque. Se non li trovi fai un fischio. Ci penso io! =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il posto più vicino a me è il colleverde, lì riesco a trovare le farine dei nostri grani e molto altro ancora. Il grano khorasan è una trovata fenomenale ma non è così male. Di sicuro lo trovi ovunque. Grazie per il supporto e per la tua adorabile disponibilità :*
      Cla

      Elimina
  2. Kamut o tumminia ad ogni modo queste pizzette/bruschette sono una meraviglia, con quei bei pomodori... gusto fresco di Sicilia, perfetto per un aperitivo d'estate!

    RispondiElimina
  3. ottime per l'estate,l'aperitivo,le serate,ne vorrei qualcuna, ci vorrebbe proprio ,ma non voglio accendere il forno,grazie cara,buona estate

    RispondiElimina
  4. Wow! Questo potrebbe essere un particolare dei più utili blog Abbiamo sempre arriviamo attraverso su questo tema. Fondamentalmente Magnifico. Sono anche uno specialista in questo argomento quindi posso capire il vostro sforzo.

    RispondiElimina