mercoledì 15 gennaio 2014

Eh Già!

Chi legge queste pagine lo sa bene, mi perplime  fare pubblicità a tinchitè, di marchi più o meno conosciuti; infatti, a chi mi chiede una collaborazione, la maggior parte delle volte, dico gentilmente ma chiaramente: grazie, no. Sono scelte eh? Personali scelte enologiche ehm, volevo dire deontologiche; non mi interessa fare le marchette, decido cosa pubblicizzare e, fatta eccezione delle pentole delle quali forse scriverò un post a parte e per le quali farei carte false, posso asserire che codesto vino è uno di quei pochi prodotti. Questo è uno di quei casi in cui il vino è buono veramente e appartiene a un nobile progetto, quello di Vino Libero; le aziende che hanno aderito si sono impegnate immediatamente al recupero del suolo con metodi e tecniche che vertono alla riduzione dell'impatto ambientale e all'abbandono dei diserbanti. Come architetto paesaggista e appassionata di vino (nel senso che mi piace bere buono),  mi sento vicina al problema. L'idea coinvolgente, mira a promuovere il nuovo Già 2013 bianco e rosso, per questo il progetto ha chiesto a una picchicedda di foodblogger di raccontare, tramite una ricetta e un inusuale abbinamento enogastronomico, la bellezza e la bontà di questo vino. Ecco il mio contributo.
Tortini in gelatina di Già e passion fruit
per la génoise
50 g di farina 00
50 g di fecola
3 uova
75 g di zucchero
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
45 g di burro fuso
scaldate il forno a 160°C, fondete il burro e riportatelo a temperatura ambiente. Imburrate una teglia quadrata da 22 cm di lato e foderatela con un foglio di carta forno. Setacciate la farina con la fecola; in un contenitore posto a bagnomaria sbattete, con una frusta a fili manuale, le uova con lo zucchero fino a completo scioglimento di quest'ultimo. Versate dentro la planetaria e sbattete il composto di uova  per 5 minuti, fino al raddoppio, unite la vaniglia. Aggiungete, poco per volta, il composto di farine e amalgamate con una spatola dal basso verso l'alto. Amalgamate parte del composto di uova al burro fuso, mescolate delicatamente e poi aggiungetelo al resto, versate dentro la teglia, livellate e infornate per circa 15 minuti o fino a quando, infilzando con uno stecchino questo ne uscirà pulito e asciutto. Sfornate e fare raffreddare qualche minuto dentro la teglia, sformate e fate raffreddare su una gratella per dolci.
per la gelatina di Già e passion fruit
100 g di polpa di frutto della passione (circa 5 frutti)
400 g vino bianco Già
un baccello di vaniglia
90 g di zucchero di canna
9 g di gelatina in fogli
in un pentolino mettete lo zucchero con il vino, i semi del baccello di vaniglia e il baccello stesso, portate a ebollizione e fate sobollire per 30 minuti. Ammollate la gelatina in acqua fredda e aggiungetela al vino, scioglietela completamente; fuori dal fuoco aggiugete la polpa dei passion fruit, mescolate e distribuite dentro uno stampo da muffin in silicone da sei alloggiamenti. Ponete in frigo.
per il caramello
100 g di zucchero semolato
80 g di panna acida
40 g di burro freddo
mettete lo zucchero in un pentolino dal fondo spesso, ponetelo su fuoco dolce e scioglietelo fino a quando diventa marrone, aggiungete la panna, togliete dal fuoco e aggiungete il burro, mescolate e fate intiepidire.
Distribuite dentro lo stampo e rimettete in frigo.
per la bagna
100 ml di vino bianco Già
per decorare
una manciata di pinoli tostai
una manciata di passolina (uva passa)
il fondo di un bicchiere di vino bianco Già
Con un coppapasta rotondo a misura dello stampo, ritagliate la génoise, scaldate appena il vino e distribuitelo con delicatezza aiutandovi con un pennello, sui dischi di torta. Ponete i dischi sul caramello e ponete in frigo tutta la notte.
Il giorno dopo sformate delicatamente i dolcetti su piatti da portata singoli, decorate con i pinoli tostati e l'uva passa ammollata nel Già e poi sgocciolata, aspettate una decina di minuti tenendo il dolce a temperatura ambiente e servite.

16 commenti:

  1. E chi, come me, apprezza chi, come te, rinuncia ad un a marchetta, per parlare solo di ciò che piace, cosa fa? Si segna il nome del vino e anche la ricetta. ;)

    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah grazie coriceddu
      un baciuzzo e buona giornata
      Cla

      Elimina
  2. Ecco ormai è un appuntamento fisso settimanale. C'è chi aspetta con attesa la puntata del telefilm preferito, chi l'uscita di una rivista o di un fumetto... io il post di una tua nuova ricetta. Me le sono lette tutte! alcune provate con estremo successo! Altre annotate sul quadernino magico con illustrazione annessa (copiando le tue foto... mi riesce meglio disegnare che fotografare). Potresti adottarmi che così ho risolto????!!! stupende le tue ricette e grazie per la condivisione! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mile, uddiu mi confondi, sono commossa per questa tua dimostrazione di attaccamento.
      :*
      non mi ritrovo parole oltre questa
      grazie

      Elimina
  3. MA CHE MERAVIGLIA! E poi io sono marchigiana di origine e quindi questo Già mi piace un mucchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D il fatto vero è che è molto buono
      :D
      grazie Cri
      Cla

      Elimina
  4. Ma che tortini meravigliosi!!!! Il Già non l'ho ancora assaggiato, ma conosco l'idea meravigliosa di Oscar Farinetti del vino libero e da sommelier (con tanto di diploma ma non praticante causa famiglia in collo!) penso che può portare solo del buono! Complimenti! Un bascione grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie cara Patty, ops, scusi, esimio sommelier, tanto di cappello :*
      Cla

      Elimina
  5. Ciao! hanno scelto una ottima blogger per sostenere l'iniziativa! queste gelatine sono una vera chicca!
    Approviamo appieno il tuo pensiero :)
    un bacione

    RispondiElimina
  6. una ricetta raffinatissima :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao Claudia! Sei bravissima!!! Le tue foto sono splendide!! Siamo state selezionate entrambe per creare delle ricette con il vino già e sono passata a salutarti. Naturalmente mi sono iscritta ai lettori fissi con molto entusiasmo :-) Ciao, a presto e ancora complimenti
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica, che pensiero gentile, grazie molte per questo tuo messaggio.
      a presto
      Cla

      Elimina
  8. Un impiattamento da chef mi piace tantissimo la tua idea per servire queste gelatine di vino.
    Baci
    Enrica

    RispondiElimina
  9. Ciao, devo ringraziarvi per la vostra deliziosa ricetta.
    voyance gratuite par email ; Voyance gratuite par mail

    RispondiElimina