lunedì 4 giugno 2012

ma com'è che non li avevo fatti mai?

Cose, cose, cose da pazzi, in tant'anni di onorato servizio cuciniero, mai li fici. Vergogna! 
I pitoni (o pidoni) messinesi sono un cibo da asporto tipico della provincia di Messina; sono calzoni farciti con indivia, tuma, pomodoro e pezzetti d'acciuga, praticamente la versione infagottata, della focaccia messinese, in un impasto brioches. Il segreto lu vuliti sapiri qual'è? La cottura. Vergognosamente fritti sono.
Per ottenere 19 pitoni ho impastato 350 g di farina 0 e 350 g di semola di rimacinato con 350 ml di latte tiepido, 60 g di strutto, 40 g di olio extra vergine d'oliva, 60 g di zucchero, 15 g di sale, 15 g di miele d'acacia, 12 g di lievito. Mettete la farina nell'impastatrice (o lavorate di olio di gomito), sbriciolatevi il lievito, unite lo zucchero e lo strutto a pezzetti, impastate aggiungendo poco alla volta il latte, il sale, l'olio e il miele. Realizzate una palla, ponetela, dentro una ciotola coperta con un canovaccio, dentro il forno spento con la luce accesa. Fate lievitare fino al raddoppio. Se dovete mangiarli la sera vi consiglio di impastare la mattina per consentire la lenta lievitazione. Nel pomeriggio riprendete l'impasto e porzionatelo in palline di circa 68g ciascuno; infarinate una spianatoia di legno e poggiate le palline  per la seconda lievitazione, coprite con un canovaccio.
Nel frattempo preparate il ripieno; lavate e asciugate un piccolo cespo di lattuga indivia, tagliatelo a pezzetti e mettetelo in un contenitore. Lavate 300 g di pomodorini datterino, tagliateli a metà, metteli in un colapasta e salateli; elimineranno l'acqua di vegetazione. Riducete in piccoli pezzi 300 g di tuma o formaggio dolce tipo Galbanino. Spezzettate delle acciughe sott'olio e collocate tutti gli ingredienti in successione sul piano di lavoro. Non dimenticate di disporre anche una ciotolina piena d'acqua. Prendete una pallina di pasta, stendetela, con le mani o con il mattarello, sul piano leggermente infarinato, realizzando un disco sottile. Mettete al centro due pezzetti di acciuga e una piccola parte di ogni ingrediente preparato; intingete gli indici delle mani nell'acqua e bagnate il contorno del disco; chiudete il pitone e sigillatelo prima con le dita e poi con i rebbi di una forchetta. In una friggitrice o in una pentola colma d'olio, friggete due pitoni per volta. Dopo la cottura, fateli sgocciolare su carta assorbente coperti con un foglio dall'alluminio per mantenerli caldi.

34 commenti:

  1. anche a colazione li assaggerei...
    buongiorno Claudia e un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Wow che goduria davvero da provare! Buona giornata paola

    RispondiElimina
  3. Ahhhhhhhhhh!! Chisti si chi i fa me matri!!!! :-) Boniiii!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e per forzaaaaa :*
      grazie e baciuzzi anche per to matri :*
      Cla

      Elimina
  4. non è mai troppo tardi, soprattutto per scoprire le cose buone, mi sta succedendo spesso nell'ultimo anno.

    Prima o poi riuscirò a postare i panzerotti, quelli baresi, vergognosamente fritti anche loro, e faremo un gemellaggio siculo-pugliese :)

    Un abbraccio bedda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il gemellaggio l'abbiamo fatto da mo' bedda mia ti voglio bene
      grazie
      Cla

      Elimina
  5. grazie, grazie, grazie!!!! Si scuaghiavanu mucca , sunnu troppu sapurusi, chini di passioni e tantu amuri, ma meritu anche a to maritu ca li friiu con tanta bona volontà e a mia ca mi manciaiu con tantu desideriu e piacere.
    :))ciao.

    RispondiElimina
  6. Carina la foto! :)
    Mi ricorda un piattino che ho! eheheheh
    Ricetta fantastica gioia mia!
    :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah, mi venne lo spinno
      grazie dolcezza :**
      Cla

      Elimina
  7. Che nostalgia! I pidoni per me sanno di riunioni di famiglia, di feste, di vacanze, insomma evocano solo cose belle. Ci voleva proprio di lunedì mattina. Grazie!!!

    RispondiElimina
  8. marò cosa vedo...potrei x una volta tradire lo sfincione per uno di questi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, mi sa che per una volta potresti farlo :*
      Cla

      Elimina
  9. vergognosamente! e boni devono essere..uh, che darei per venirti a trovare!!!

    RispondiElimina
  10. Ciao, che particolarità questi calzoni!!! Un ripieno favoloso per un calzone che...come lo fanno lì non ci sono paragoni!
    Super e peccato non averli mai assaggiati!
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) ragazze con la ricetta siete a posto!
      :***
      baciuzzi
      Cla

      Elimina
  11. mannaggia non puoi farti scappare niente ok? tutto devi fare...dall'aspetto sembrano buonissimi bravaaaaaaaaaaa
    maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah! grazie Maria :***
      in effetti boni erano
      :)
      grazie assai
      Cla

      Elimina
  12. No dico... e perchè io non li ho mai assaggiati??
    Ricettuzza preziosa... me la conservo!
    baci Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! chi sei Fico secco o Uva passa? Va beh, niente ci fa, vi voglio bene entrambi lenticchie comprese :***
      love
      Cla

      Elimina
  13. ...e lo dici a me? io cado dalle nuvole, vabbè, intanto mi segno la ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahah! bella questa :D
      grazie
      un baciuzzo
      Cla

      Elimina
  14. buoniiiii io li faccio in versione napoletana per far felice il mio maritino, scarola ripassata in padella con aglio olio e peperoncino e aggiungo le olive nere e le alici e tanta scamorza filante ma che non cede acqua!buoni buoni provare per credere! un abbraccio fortissimooooooooo
    Maria PON

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devono essere divini, devo provarli :)
      ti abbraccio fortissimo pure io giuiuzza :*
      grazie
      Cla

      Elimina
  15. e io nemmeno li conoscevo, fantastici, e che belle foto!

    RispondiElimina
  16. Io li conosco invece! a Messina ho dei bravi parenti che me li hanno fatti assaggiare! Sono buonissimi!!!
    Sei simpaticissima Claudia! Una siciliana, come me, che della sicilianità fa una bandiera!
    Conosci il forum www.isolacreativa.forumfree.it? E' il forum delle creative siciliane appassionate di maglia, uncinetto, ricamo......e c'è anche una sezione dedicata alla cucina. U postu giustu pi ttia!!!
    Il nostro scopo è di scambiarci consigli, tutorials, modelli, ricette....ma soprattutto di incontrarci di presenza ogni tanto. A marzo c'è stato il nostro primo bellissimo meeting.
    Se non sei ancora iscritta a forumfree ti chiederanno di farlo per poter entrare sul forum. Non scoraggiarti e...arricampati! A ttia aspittamu!
    Un abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina
  17. Grazie Rosa, sei gentilissima!
    vado a vedere sul forum.
    baciuzzi
    Cla

    RispondiElimina
  18. appena provati!!! MERAVIGLIOSIIIII !!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela,
      grazie infinite, sono contenta che ti siano piaciuti :D
      grazie assai assai, anche per questo commento
      :*
      Cla

      Elimina