lunedì 2 febbraio 2015

una torta shabby chic

 Sono entrata nel tunnel dello shabby chic, quello stile che impazza in questo periodo e che fa tendenza nell'interior design. 
 Colori chiari, pastello e dalla consistenza gessosa; bianco, grigio perla, avorio, beige e celeste chiarissimo donano un aspetto all'apparenza dimesso e creano una forte dipendenza. Lo stile, in realtà è molto studiato; i mobili, in genere in legno, sono dipinti a mano senza particolari accorgimenti anzi devono sembrare senza pretese, come recuperati dalla casa delle nonna. Con le vernici di Annie Sloan molti stanno stiamo cambiando l'aspetto dell'arredamento di casa. Io ve lo dissi, se cominciate  a ridipingere i vostri mobili entrate in un loop dal quale non è facile uscire, avrete sempre il pennello in mano e, se incrociate vostro marito o vostro figlio per casa, tenterete di colorare anche loro...
 Ecco, detto ciò, 'sta fissazione mi passò anche nel cibo. Per ovvi motivi non posso dipingere ciò che cucino ma posso usare i colori che trovo in natura. Ora vi cuntu chi fici.
 Ieri, domenica, abbiamo festeggiato il compleanno del mio sposo, da tempo mi chiedeva la torta mimosa, me l'ha chiesta per un periodo ininterrotto di un mese,  non esagero, testimone me figghia.
Ogni sera, dopo cena, mi diceva: e per dolce? Torta mimosa? 
Oh bedda matri santissima! Diventò un incubo per me mentre lui si bagnava il panuzzo. 
Il suo compleanno mi sembrò il giusto pretesto per realizzare questa torta che non è difficile ma  camurriusa assai. Non avendola mai realizzata mi sono fiondata su google e, cercando cercando, trovai questo link di Dissapore, nel quale Rossella Neiadin, racconta simpaticamente la sua torta mimosa perfetta. Io ho realizzato la ricetta del pan di spagna che uso di solito ma ho utilizzato, quasi pedissequamente, la ricetta della crema diplomatica che ha condiviso lei e vi devo dire che è favolosa. 
 Per ottenere il risultato shabby chic ho realizzato un pan di spagna colorato con lo zucchero di canna.
In definitiva, realizzate due pan di spagna, se volete seguendo le dosi sotto indicate, sostituendo, in uno dei due lo zucchero bianco con lo zucchero di canna scuro;
Dosi per un pan di spagna:
4 uova codice 0 oppure 1
120 g di farina
120 g di zucchero
sbattete le uova con lo zucchero ad alta velocità per 15-20 minuti, aggiungete in tre volte la farina setacciata e mescolate con una spatola dal basso verso l'alto per amalgamarla bene. Imburrate una teglia da 24 cm, infarinatela ed eliminate la farina in eccesso. Distribuite il composto all'interno della teglia, livellate e infornate in forno caldo a 170°C per 25-30 minuti. Sfornate fate intiepidire, poi sformate su una gratella per dolci e fate raffreddare completamente, anche tutto il giorno. Io ho cominciato il venerdì.
 Il giorno dopo preparate la bagna e la crema seguendo queste dosi:
per la bagna:
150 g di acqua
150 g di zucchero
la scorza di un limone prelevata con un pela carote
metette in un pentolino l'acqua, lo zucchero e la scorza di limone, portate a bollore, spegnete e fate raffreddare.
per la crema diplomatica:
500 g di latte
100 g di tuorli (circa 5)
120 g di zucchero
40 g di amido di mais
1 bacca di vaniglia
500 g di panna montata (senza zucchero)
5 g di gelatina in fogli
In una ciotola sbattete i tuorli con 100 g di zucchero,  la polpa della vaniglia e la maizena setacciata, utilizzate una frusta a fili manuale per amalgamare tutti gli ingredienti. Scaldate il latte con 20 g di zucchero e il baccello di vaniglia svuotato dei semi, portate a bollore, spegnete e fate raffreddare mezz'ora. Eliminate il baccello e versate il latte, poco per volta, dentro la ciotola con i tuorli, mescolate per amalgamare e poi mettete di nuovo nel pentolino sul fuoco. Portate a 82°C, mescolando con la frusta a fili. Nel frattempo mettete la gelatina a mollo in acqua fredda.  Spegnete il fuoco sotto la crema, unite la gelatina strizzata e mescolate. Ponete la crema dentro una ciotola, coprite con un velo di pellicola a contatto con la crema e fate raffreddare completamente.
P.S. Vi avanzeranno crema e pan di spagna ma, come giustamente dice Rossella, non sarà certamente un problema ;)
 Rossella ha utilizzato uno stampo da zuccotto. L'idea è geniale ma io, tra i 'millemila' stampi non ho quello è incredibile, lo so; ho quindi seguito il suo consiglio utilizzando una ciotola semisferica queste dimensioni: h 9 cm, diametro 19,5 cm. L'ho imburrata leggermente e poi l'ho foderata con la pellicola. Fatelo anche voi, poi tagliate a fette di un cm il pan di spagna realizzato con lo zucchero bianco, foderate lo stampo aggiungendo pezzetti per tappare i buchi. Con un pennello imbibite il pan di spagna con la bagna al limone. Per la cronaca, ho utilizzato un paio di fette dell'altro pan di spagna, ve ne avanzerà comunque, dopo la finitura.
Montate la panna e aggiungetela alla crema gialla, poco alla volta e con movimenti dal basso verso l'alto. Versate una quantità di crema dentro la ciotola rivestita , coprite con altre fette di pan di spagna, imbibite e versate ancora una quantità di crema, chiudete con altre fette di pan di spagna e bagnate ancora. Comprimete leggermente con le mani, coprite con la pellicola e ponete in frigo fino all'indomani.
Sformate il dolce su un piatto da portata, ricopritelo con abbondante crema; affettate l'altro pan di spagna e tagliatelo a quadrucci oppure, se avete un piccolo tagliabiscotti rotondo, ricavate tanti dischetti. Io , manco a dirlo, non l'avevo, quello in mio possesso era troppo grande e l'effetto finale non mi piaciu, quindi ho tagliato a cubetti. Ricoprite in modo uniforme la calotta e passate in frigo fino al momento di servire.

35 commenti:

  1. Io adoro lo shabby chic, è proprio una dipendenza proprio come per questa torta mimosa, preso un pezzo, ne voglio subito un altro;)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D grazie assai Pamela evviva lo chabby
      Cla

      Elimina
  2. non amo molto lo shabby, ma la mimosa assolutamente si :D :D

    RispondiElimina
  3. Cara bellissima Cla, troppo tempo che non passavo a leggerti... Questa torta io la amo alla follia (sarò shabby chic inside, allora?) e mi hai fatto venir voglia di imitarti nella Mimosa! un abbraccio
    simo

    RispondiElimina
  4. Ciao Simo, la cosa è assolutamente reciproca e sappiamo anche il perché, le giornate sunnu troppo trafficuse, ma niente ci fa.
    :*
    grazie sono felice di averti risvegliato la voglia
    :*
    Cla

    RispondiElimina
  5. Mi piace lo shabby chic ^^ e mi piace anche di più questa torta!

    RispondiElimina
  6. Sono mesi che cerco di convincere mio marito a rifare "casualmente" l'arredamento di casa.. sono pazza per lo shabby! Purtroppo però finora tutto senza esito.. devo cambiare marito??
    :)
    E questa torta? C'è di moriri!
    Ne prendo una fettina e intanto sogno shabby chic!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noooooo, che dici cambiare marito giammai, comincia e basta :)
      magari con una cosa nicaredda
      :*
      grazie bedda
      Cla

      Elimina
  7. una shabby chic buona, effettivamente la crema diplolmatica ha un gran bell'aspetto

    RispondiElimina
  8. Adoro lo shabby chic, la mimosa è stata la mia torta da sposa ... Lo sai che ti adoro!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, sono contenta, assai, ti adoro anche io e sono felice di averti incontrata
      :*
      Cla

      Elimina
  9. confesso che stando in fase trasloco nella nuova casa si inizia stile shabby chic
    anche le bomboniere per la comunione delle gemelle sono tutte shabby :) e chisenefregasenonvengonocapite.....
    adoro questa torta e queste foto stupende claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chissene, veramente. BraviZZima
      :*
      grazie assai
      Cla

      Elimina
  10. bellissima, sembra una nuvola dorata !baciuzzi bedda

    RispondiElimina
  11. ...e, se incrociate vostro marito o vostro figlio per casa, tenterete di colorare anche loro...

    Puahahahahhahahhaahahahahahhahahhhhhhahahahahhhhahahahhahahhhhahahahahha!!!
    Cla, mi facisti morire alla lettura di questa frase!!!!
    Ahahaahahahahahahhahahahhaahhahahaahahhaahahahahaahahahhahahahahh...
    Quanto è vero però...!!
    Ma cosa avrà poi 'sto benedetto" shabby" per averci folgorate tutte!! :DDDDD

    Mentre questa mimosa lo so bene cosa ha per avermi folgorata: è semplicemente meravigliosa!
    Non conoscevo la crema diplomatica e non posso continuare ad essere ignorante da questo punto di vista..., quindi la farò!!
    Grazie per averla condivisa :))))))))))))
    Baciuzzi beddi come bedda sei tu! :-* :-* :-*

    p.s. la tua idea di fare un pan di spagna con lo zucchero di canna per renderlo shabby, ti rende davvero unica! :)))))))))))))))))

    RispondiElimina
  12. Ti ho visto sai con la sedia..... non ti sto a raccontare le risate che mi sono fatta con quella foto.... Ma che bella sta torta... moooolto romantica.... sei sempre la mejo!!! Un bascione sciabby scic!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non hai visto niente, ahahahahah
      ho dipinto, nell'ordine:
      un armadio
      due librerie
      un tavolo
      una sedia
      due credenze
      un orologio antico o pseudo tale
      sto pensando alle sedie del tavolo da pranzo...
      :*
      grazie giuiuzza
      Cla

      Elimina
  13. tutto meraviglioso... bacissimi Claudia!

    RispondiElimina
  14. Non dirlo a me che ho pennello e vernice sempre pronti... E una volte deposte le armi si accende il forno. La tua torta è molto invitante, brava!
    V.

    RispondiElimina
  15. Che bella! Anch'io adoro la torta mimosa! E mi piace tanto anche questo blog, di cui sono diventata subito follower, così non mi perderò mai più neppure un post!

    RispondiElimina
  16. ora..bella a virità! che aveva torto il tuo sposo nel camurriàriti per sta torta??! amunì ammettilo! splendida!! e poi una cosa ti volevo dire...ne ca tutti pigliano il pennello in mano e si mittunu a pittiàri cosi ottenendo roba shabby chic!! io ad esempio otterrei roba shabby choc! nel senso ca la talìi e ti piglia un sìntomo! per quanto mi piaccia assai e ammiri chi si piega a queste tendenze artistiche io dubito di essere capace, voi architetti siete esteti e sapete dare forma al bello che avete nella testa, io lì ce l'ho e ddra resta! ha ha ha baciuzzi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qua gli architetti non c'entrano, vieni che ti presto un pennello, mi aiuti? dobbiamo dipingere le sedie del tavolo da pranzo.
      :*
      Cla

      Elimina
  17. Una torta mimosa shabby chic bellissima e super buona...lo sposo ha saputo scegliere benissimo!

    RispondiElimina
  18. Ho appena trovato il vostro sito e come appassionato di viaggi, grazie e vi auguriamo una buona continuazione. Soprattutto andare avanti bene; il tuo sito è grande!
    I Migliori Saluti

    RispondiElimina