giovedì 23 maggio 2013

Verde

Un colore rilassante, tranquillo e buono. Il verde colora alberi, arbusti e piantozzole di varie misure, uno sfondo puntellato dai colori dei fiori. Ma di base sempre il verde c'è, di tante sfumature. Quando progetto un giardino, seduta al tecnigrafo, mi basta chiudere gli occhi e passeggiare dentro un tripudio di verde. E' fortemente rilassante. Se poi voglio anche sentire gli odori vado al vivaio di Salvuccio e sugnu a posto ppì n'anticchia. La menta che ho usato per questa pasta l'ha propagata lui con le sue manine sante.
'Sta pasticedda facilissima è, anche troppo direi, dovete solo procurarvi ingredienti di primissima qualità, ora  pigghiate un pizzinu.
Pesto di favette e pistacchi di Bronte
ppì 4 cristiani:
350 g di mezze maniche rigate
300 g di favette già sgranate, circa un kg con il baccello
40 g di pistacchi di Bronte sgusciati e non salati
uno scalogno
150 ml di prosecco
un mazzetto di menta fresca
ricotta infornata
olio extra vergine d'oliva
sale
pepe
 Sbollentate le favette, in acqua bollente per pochi istanti, scolatele e, con santa pacienza, eliminate la cuticola e il germoglio. Tritate finemente lo scalogno,  doratelo in padella con due cucchiai d'olio extra vergine d'oliva, aggiungete le favette, 100 ml di acqua e fate stufare; quando l'acqua sarà quasi evaporata sfumate con metà del vino. Salate, pepate, spegnente e mettete le favette dentro il bicchiere del frullatore, tranne qualche cucchiaiate,  insieme con la menta pulita, i pistacchi, il prosecco rimasto e 3 cucchiai d'olio, frullate tutto. Otterrete un composto piuttosto compatto, niente ci fa, mettetelo dentro una padella capiente, aggiungete un mestolo d'acqua di cottura della pasta e fluidificate per bene, mettete da parte.
Cuocete la pasta in abbondante acqua salata, scolatela al dente senza buttare l'acqua di cottura e, attenti a mìa, ponetela dentro la padella con il pesto, sopra il fornello caldo spento, mescolate e amalgamate pasta e condimento; impiattate decorando con qualche favetta intera, qualche fogliolina di menta e una grattugiata di ricotta al forno. Poi mi diciìti chi manciati!


28 commenti:

  1. Che bell'idea, l'accostamento del pesto di pistacchi alle fave deve essere favoloso!!! ... la presentazione rende merito al piatto, complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo pesto... particolarissimo!!! Lo sapevi che secondo donnaclik sei fra le dieci foodblogger più famose del web? Complimenti, un bascione!
    http://www.donnaclick.it/lavoro/10-food-blogger-italiane-pi-famose.htm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty bedda,
      grazie per la segnalazione ho ricevuto questa fantastica sorpresa ieri mattina al mio risveglio :***
      Cla

      Elimina
  3. mai paensato a un connubio del genere... mi sa che provo!

    RispondiElimina
  4. Un pesto da copiare sicuramente, considerando che non so mai come utilizzare le fave! ;)

    Ma congratulazioni!!!!! :D
    Posso dire ci "conoscere" una VIP!!! :P
    baci

    RispondiElimina
  5. Il verde è vita ,la natura è piena di quel colore, adoro quel colore e anche per il mangiare mi stimola di più l'appetito forse sarà perché sono vegetariana. Ottima ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Elena,
      è proprio un bel colore :)
      *
      baciuzzi
      Cla

      Elimina
  6. Ma che bel colore!!!direi un colore, insieme al giallo, simbolo della Sicilia!!!un baciuzzo!

    RispondiElimina
  7. le fave mi ricordano uno dei profumi dell'estate. grazie per questo anticipo stagionale!
    e poi fai sempre bellissime foto!
    gli altri blog si pozzunu ammucciari!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah, Germana sei troppo duci grazie *
      Cla

      Elimina
  8. Ciao! accipicchia che bello questo pesto! noi lo abbiamo fatto solo con le fave, ma la freschezza della menta e il croccantino dei pistacchi aiutano a creare un sapore proprio fantastico e completo!
    bello e da copiare :)
    un bacione

    RispondiElimina
  9. Claaaa, buonissime, adoro i pesti! Allora i pistacchi di qualità ce l'ho (quelli di Bronte presi a Bronte imbustati a Bronte)ma le fave 'ndo le trovo qui, che è tutto un pezzo di ghiaccio? peccato, dovrò venire a mangiarla da te questa pasta!

    RispondiElimina
  10. ahhh ma qui c'è la òte cuizine ma scerì!! caspita che sciccheria! brava Clà :-XX

    RispondiElimina
  11. Claudia eccomemai mi ero persa questo post??? I
    o adoro il verde, è il mio colore!
    La camicia più bella che ho è verde, il pigiama che indosso in questo momento è verde, l'armadio di camera mia e' verde e sul balcone ho una bella latta di intonaco verde che aspetta di essere usata sulla parete della testiera del letto! !!
    Insoma...la vita è verde!!!!
    La tua pasta è magnificamente verde!
    Un bacione.
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mizzica allora l'ho inzertata :)
      grazie bedda *
      Cla

      Elimina
  12. Io, con un piatto del genere, potrei morire. O quanto meno, morire felice.
    [Viene voglia di diventare stalker, scoprire via e numero civico ed autoinvitarsi a pranzo. Se solo fossi un po' più tecnologica..] ;)
    Un bacio! Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non c'è bisogno, invitatissima sei!
      :)
      Cla

      Elimina
  13. Tu sai quanto amo il pesto e questo... questo... deve essere una poesia pura. Però l'hai detto, non ho la pazienza di pelare le fave :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vieni anche tu a cena su, su!
      :)
      grazie
      baciuzzi
      Cla

      Elimina