venerdì 2 maggio 2014

dai oggi e dai domani

Facitilu un paniceddu accussì, anche uno al giorno. Se non avete ospiti e non siete divoratori accaniti di pane, una pagnotta, si mantiene morbida per giorni. Questo pane l'ho realizzato seguendo il procedimento della lunga lievitazione, 'n'anticchia di tempo in più per un risultato strepitoso. La crosticina croccante è un piacevole scrigno, dintra la mollica è talmente morbida e buona che te la mangi anche schitta, accussì senza companatico. 
500 g di semola di rimacinato
300 g di acqua tiepida
10 g di sale
10 g di lievito di birra
10 g di zucchero
un cucchiaio di oli extra vergine d'oliva
una manciata di semi di zucca
una manciata di semi di sesamo
latte per spennellare
farina per spolverare
mescolate la farina con lo zucchero e il lievito sbriciolato, impastate aggiungendo l'acqua poco per volta, unite anche il sale e l'olio. realizzate una palla e ponetela dentro un contenitore coperto da un canovaccio dentro il forno spento con la luce accesa per un'ora e mezza.
Trascorso il tempo necessario, riprendete l'impasto e lavoratelo sulla spianatoia, effettuate qualche piega, rifate la palla e ponete nella stessa ciotola,  coprite con un foglio di pellicola e ponete in frigo a lievitare 10-12 ore. Il giorno dopo riprendete l'impasto e riportatelo a temperatura ambiente, lavoratelo per sgonfiarlo piegandolo più volte. Infarinate molto la base della cucipane, realizzate una palla con l'impasto, ponetela sulla base infarinata, incidete con dei tagli inclinati e paralleli, chiudete con la cloche e fate lievitare per un'ora e mezza a temperatura ambiente. Togliete il coperchio, spennellate con il latte, cospargete con i semi e con la farina, coprite e infornate per 40 minuti a 230 °C.

11 commenti:

  1. guarda, ho sfornato pane stamattina, e tu mi fai venire voglia di impastare di nuovo!
    E mi fai pensare anche a quella busta (praticamente piena) di semini di girasole che ho dovuto buttare ieri, causa larve, ma porc....

    Un bacetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia 'ste larve sono una dannazione...oppure siamo noi che compriamocompriamocompriamo ahahahahahah
      :*
      love amica mia
      Cla

      Elimina
  2. Ciao! Siamo appena arrivate sul tuo blog e ci siamo unite ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va di ricambiare ci trovi qui:
    www.sevacolazione.blogspot.it
    V

    RispondiElimina
  3. irresistibile il profumo del pane, in ogni stagione! Una crosticina croccante, morbida mollica e tanti semini...insomma la pagnotta perfetta :)
    Bravissima Claudia, anche questa volta un'ottima ricetta :)
    Un bacione e buon weekend

    RispondiElimina
  4. adoro adoro e ancora adoro il pane.. è vita, è storia, è tradizione, è famiglia, è ... buonisssimooooo!
    potrei vivere di pane..
    quella crosticina croccante che il grano duro sa dare.. quei tagli incisi a decorarlo.. stupendo,
    bravissima

    RispondiElimina
  5. lo compriamo simile in una panetteria della nostra zona, ma la tua pagnottina non ha nulla da invidiare! complimenti

    RispondiElimina
  6. Claudia è da qualche giorno che dico devo passare da lei e poi non trovo il tempo e così oggi ti ho ripensata e sono subito venuta a sbirciare...ma quante bontà sforni? La tua cucina gustosa e buona mi piace tanto e questo pane croccante fuori e morbido dentro deve essere buonissimo. Ora però mi hai messo una nuova voglia in testa, il cuoci pane! Devo resistere, baci bedda

    RispondiElimina
  7. Miiiiiii...ma io non ce l'ho il cuocipane!!!!
    Un altro oggetto da aggiungere alla lunghissimaaaaa lista dei desideri???
    Beh questo pane è bellissimo, tutti quei semini ;-)
    Mi immagino dintra la morbidezza!!
    Ciao Claudia, ti abbraccio forte!! <3

    RispondiElimina