martedì 10 giugno 2014

Che mi priparò Adelina?

L'estate del 1999 non è stata particolarmente calda ma ppì mia fu rovente; tipicamente l'afa siciliana si alterna tra passate di scirocco notevoli e brezza marina che arrifrisca, ma figgioli, d'estate c'è da aspittarsi 'n'anticchia di cavuru, c'è picca 'i fari.
A quei tempi avìa 'na panza quanto un pallone, con dentro Carlotta che scalciava, comodamente immersa nella sua culla d'acqua e senza alcuna fretta di venire alla luce. Trascinare quella panza nel periodo più caldo dell'anno è stato faticoso, avevo perso la mia proverbiale voglia di canicola, non la trovavo da nessuna parte; il caldo era opprimente, mi sarei scippata la pelle per avere 'n'anticchia di refrigerio. Passavo da una cammera all'autra cercando la stanza più fresca, un filo di vento, un'idea d'aria, con un un libro in mano, "La voce del violino". Pagine quelle, che accesero la passione per il mio autore preferito. Fogli letti in un soffio per la trama avvincente, per la parlata menza sicula e menza 'taliana, per la scoperta di personaggi che parìanu veri, simpatici e sempre sorprendenti. Poi è stato virale, come si dice oggi, appena niscìa un romanzo nuovo, sia storico che poliziesco, era ed è, una corsa in libreria per averlo. Non lo comincio subito, no, devo allontanare il momento in cui arrivo all'ultima pagina, lo centellino, leggendolo a picca a picca. 
Per fortuna, il fastidioso caldo durò, per me, solo quell'estate, ora m'arrusico la pelle fino alle ossa e mi piaci assà, come sempre.

Il commissario è un manciataru di prim'ordine, ci piaci manciari pisci, trigghie di scoglio e fritture varie, sempre in silenzio religioso e macari da sulu. La prima cosa che fa appena arriva 'a casa, la sira, è talìare nel frigo o nel forno, per vedere che ci priparò la cammarera Adelina ppì manciari.
Triglie di scoglio con la cipuddrata per il commissario Montalbano e ppì mmia.
per due cristiani
6 triglie
farina di rimacinato integrale q.b.
olio extra vergine d'oliva
4 cipolle rosse (300 g circa)
un cucchiaino di zucchero semolato
100 ml di aceto di vino bianco
menta
maggiorana
eviscerate le triglie, eliminate le teste e le code con un coltello da cucina, dividete in due e sfilettatele, eliminando la spina centrale e tutte quelle che sentirete al tatto. Lavatele sotto l'acqua corrente e tamponatele con carta da cucina.
Pulite le cipolle, affettatele a 2-3 mm e friggetele in 70 g di olio e un goccio d'acqua a fuoco dolce con il coperchio, appena prendono colore, salate, zuccherate e unite l'aceto, mescolate e alzate la fiamma per fare evaporare, aromatizzate con la menta spezzettata e le foglioline di maggiorana. Togliete la cipolla dal fuoco e nella stessa padella friggete con l'olio rimasto (se serve altro olio aggiungetelo ma pochissimo) precedentemente infarinate, salate leggermente.
Disponete metà della cipolla in un piatto, adagiate metà dei filetti di triglia e servite subito, decorando con foglioline di erbette.

10 commenti:

  1. Ma lo sai che non ho mai letto Montalbano? Devo rimediare ^^
    E non hai di che lamentarti del caldo con il pancione, almeno tu avevi il mare vicino!! io morivo all'afa milanese ;-) senza nemmeno un pesce fresco in tavola poi! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nuuuuuuu, Arianna io lo leggo e lo rileggo
      :)
      vero è, dove abitavo se aprivi tutto, sventoliava che era una bellezza
      :*
      grazie
      Cla

      Elimina
  2. Ciao Claudia! un'estate che và ricordata insomma quella del 1999. Ora non siamo ancora a quei livelli....ma siamo ben felici di goderci questo calduccio, dopo i mesi invernali!
    Buono e gustoso questo piatto di pesce, alla fine sono le ricette che d'ora in avanti prepareremo più spesso!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si assolutamente mi ricordo ogni momento :)
      grazie assai
      bacioni anche per voi
      Cla

      Elimina
  3. sopporterei il caldo per essere in Sicilia a mangiare questa bontà,però porto un ventaglio ! Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. Idealmente sono con voi, e rubo una triglia e tante cipolle.
    Nei fatti stringo i denti per la dieta, e me le tengo per la prima frittura che mi regalerò, mi piacciono assai.
    Baci grandi

    Elvira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia questa dieta è una sciaguraaaaa
      grazie gioia
      *
      Cla

      Elimina
  5. io adoro camilleri e tutte le volte tra quello che prepara a Montalbano Adelina e quello che gli fa Enzo mi viene un'acquolina.. poi io le triglie le adoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Pasticciona, abbiamo un'altra cosa in comune allora :D
      :*
      Cla

      Elimina